Il Dio in cui non credo – Acireale (CT)

Acireale - Hotel Orizzonte


Il tema della fragilità è molto delicato perché ci porta a riflettere sulla nostra condizione strutturale: siamo fatti di limiti. Sono tanti i limiti e i condizionamenti che ogni giorno incontriamo sul nostro cammino. Dentro di noi è costante la sensazione di impotenza di fronte a ciò che di irrazionale ci portiamo dentro o incontriamo nei comportamenti e negli atteggiamenti degli altri. Quale pensiero ci può aiutare a superare tutto ciò? Spesso, per difenderci, assumiamo atteggiamenti di chiusura o comportamenti aggressivi. A quale “potere” possiamo fare riferimento

Leggi Tutto

Fragilità e Potere


La fenomenologia delle religioni ricorre al concetto di potenza e all’esercizio di forza vitale per descrivere l’esperienza religiosa. Anche il Vaticano II lo ha fatto quando ha affermato che «presso i vari popoli si trova una certa sensibilità di quella forza arcana che è presente al corso delle cose e agli avvenimenti della vita umana ed anzi talvolta si riconosce la Divinità suprema o anche il Padre»1. In questa luce Dio è considerato fonte della energia vitale, colui «per cui tutti vivono» (Lc. 20, 28). Per questo è anche chiamato “onnipotente”, nel senso che tutte le realtà sono sotto la sua azione creatrice e che Egli conduce tutte le cose al compimento…

 “NO, Gesù Cristo non è morto per i nostri peccati”

“Gesù non è morto per i nostri peccati e tantomeno perché questa fosse la volontà di Dio, ma per l’avidità dell’istituzione religiosa, capace di eliminare chiunque intralci i suoi interessi, fosse pure il Figlio di Dio…”. Riflessione del biblista Alberto Maggi (illibraio.it del 12/04/2017)
clicca qui per leggere l’articolo

 

La Nostra Newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle ultime notizie, compila il form con i tuoi dati e riceverai gratuitamente la nostra newsletter, con tutti gli aggiornamenti e le notizie dell’Associazione

MADRE TERRA

Progetto di Solidarietà

SCOPRI DI PIÙ