di Mario De Maio

OGNI LAVORO PUÒ ESSERE SVOLTO CON SPIRITO DI SERVIZIO E DONO, GENERANDO SERENITÀ E GRATITUDINE.

In questi giorni hanno bussato alla nostra porta Juan e Alberto, due ragazzi che rischiavano la morte in Salvador. Chiedevano lavoro. Drammaticamente, come tanti altri giovani, anche italiani, non possono guardare al loro futuro con serenità. In questo quaderno, pur tenendo presente la complessità di questo problema, vogliamo riflettere su due particolari aspetti legati al lavoro: il servizio e il dono. La dimensione del lavoro è fondamentale per dare senso a ogni esistenza. Non sempre nel lavoro si ha la fortuna di poter esprimere le proprie attitudini e le proprie competenze. Ci sono però due dimensioni che possono essere presenti in qualunque tipo di lavoro. La prima è
quella del servizio verso l’altro. Spesso ci capita di incontrare delle persone che compiono il proprio lavoro in modo corretto e preciso. Chi ne beneficia si sorprende e manifesta gratitudine. Quando al servizio si aggiunge la caratteristica del dono all’altro, il lavoro si arricchisce di cortesia, di attenzione, di cordialità, e chi fruisce di questi benefici prova una soddisfazione grande. La stessa soddisfazione viene vissuta da chi interpreta il proprio lavoro in questa prospettiva. Consiglio di vedere il film: Michelangelo-infinito. Sorprende la passione con cui questo grande artista esprimeva la ricchezza dei suoi talenti. In un passaggio del film, egli afferma di avere curato eccessivamente la
vita fuori di sé trascurando quella interiore. Michelangelo investiva la sua sofferenza e il suo limite nell’impegno costante a trasformare la materia in bellezza da donare agli altri. Nel lavoro strutturò la propria identità
evitando di sprofondare nella follia. La dimensione creativa del lavoro lo aiutò a dare un senso profondo alla sua vita. Possiamo dunque dire che la sua crescita interiore e la manifestazione esteriore della stessa procedettero di pari passo. Possiamo anche aggiungere che la trasformazione del lavoro in servizio e in dono è il punto di arrivo di un grande cammino spirituale. Spesso ci domandiamo cosa possa migliorare la vita nel nostro paese. Se il lavoro di tutti avesse queste caratteristiche, certamente la vita sarebbe più facile e serena. Ne avremmo tutti un grande beneficio e ne godrebbero in modo particolare gli anziani, i poveri e gli emarginati.