Credere nella vita

nelle zone d’ombre si partorisce la storia

di LIDIA MAGGI
Teologa, pastora battista

Vogliamo parlare di vita e nutrimento per la vita a partire da una realtà cruda, avvelenata, bruciata, dove alterniamo fame e nausea, dove siamo pervasi da emozioni sbagliate che ci intossicano. Avvertiamo l’assenza di quelle esperienze che ci aprano all’introspezione e al silenzio, ci rendiamo conto che avremmo bisogno di “diete” che ci purifichino e ci disintossichino, ma non sappiamo dove trovarle. Entriamo dal portale della bibbia per riflettere su come imparare a nutrirci di vita. La bibbia è il libro della vita, narra come Dio entri nella vita umana, nella vita tutta e come, dopo averla creata, la nutra e la accompagni. Il Dio biblico è il Dio della storia, del tempo, che cammina con un popolo che ha scelto e che chiama “figlio”. Questo popolo sarà svezzato da Dio, il quale gli insegnerà a parlare consegnandogli parole di libertà, per strapparlo a una lingua di schiavitù. Entriamo nella bibbia per riflettere sulla vita, su come nutrire la vita, consapevoli che siamo di fronte a un libro che ci narra la vita in tutte le sue articolazioni, ce ne restituisce la complessità, non solo perché si compone di tanti libri e di tanti generi letterari, ma anche perché racconta la vita senza censurare alcun aspetto. Nella bibbia infatti c’è tanta violenza, e l’ermeneutica oggi è molto attenta non solo ad elencare la violenza, ma anche a capire come essa entri in scena, come il personaggio narrativo – Dio – a volte si renda responsabile della violenza, interpellando così il lettore e la lettrice ad andare oltre. Questa evoluzione ermeneutica ci dice come il testo biblico comprenda ogni aspetto della vita. Noi invece, abitualmente, abbiamo un’immagine dualistica della bibbia, da una parte il sacro, dall’altro la vita ordinaria: per quanto non ci piaccia vivere questa lacerazione, di fatto viviamo come persone dimezzate. La bibbia ci aiuta a superare questo dualismo perché ci induce a raccontare anche gli aspetti indecenti e avvelenati della vita. La bibbia è sì parola di Dio, ma è anche un libro che racconta di umanità: possiamo dire che la bibbia sia un testo di […]

CONTINUA a leggere l’articolo all’interno del nostro quaderno