Resurrezioni

di Massimo Recalcati

Il corpo di Cristo che risorge dopo aver conosciuto l’assoluto nascondimento della morte, della fine della vita, non è solo una immagine consolatrice che dovrebbe liberare l’uomo dal peso insopportabile della sua finitezza, ma può essere assunto come il simbolo di una resistenza assoluta della vita contro la tentazione della morte. Non è, in fondo, questo uno dei significati fondamentali della predicazione di Gesù? Non abbiate paura perché non tutto è morte, perché il cuore della vita è più grande dell’ombra della morte!

Non a caso, è nella parola antica Kum che è contenuto il tema della possibilità che la vita rinnovi se stessa proprio laddove pare morta, finita, consegnata ad uno scacco fatale. Kum è la parola-imperativo che, per esempio, nel testo biblico, Dio rivolge a Giona. Essa scuote il profeta dal suo letargo per consegnargli una missione impossibile che lo costringe a mettersi in movimento. Ma è anche la parola-imperativo che Gesù rivolge a Lazzaro: Kum! Alzati! Cammina! Rimettiti in moto!

Kum è la parola che riabilita la vita alla vita, proprio nel punto dove la vita si perde e muore. Ecco la cifra laica della resurrezione. Dobbiamo provare a vedere in Kum la parola che ispira ogni autentica pratica umana di cura. La posta in gioco è decisiva: è possibile rialzarsi,  ricominciare,  ritornare  a  vivere,  anche  quando  l’esperienza della caduta, della malattia, del fallimento, della catastrofe appare senza  rimedio  alcuno?  In  gioco  non  è  solo  il  destino  individuale della  vita,  ma  quello  di  una  città,  di  un  popolo,  di  un  ideale,  del nostro stesso pianeta.

Il Grande Cretto di Burri che commemora il terremoto di Gibellina o il  One  World  Trade  Center  di  Daniel  Libeskind  che  evoca  il  trauma dell’abbattimento delle Torri gemelle non guariscono la ferita (inguaribile), ma la sanno incorporare in una forma nuova che consente alla vita di ricominciare a vivere. Il mistero della resurrezione, riletto laica- mente, indica non solo e non tanto la possibilità eventuale che la vita possa esistere dopo la morte – tema caro a tutte le religioni –, ma la…

CONTINUA a leggere l’articolo all’interno del nostro quaderno