Terra

Speranza
CHE COSA CERCO IO?
ognuno trova soltanto ciò che cerca

di Derio Olivero Vescovo

Forse capita anche a te di dire: «non ho più tempo per me». Dobbiamo pensare a mille cose: il lavoro, la casa, le bollette, la spesa, le scadenze, i figli, i nonni, gli amici… non resta tempo per noi. non troviamo più un momento per guardarci allo specchio e chiederci: “Come va?”. magari brontoliamo, borbottiamo, ci lamentiamo, ma non sappiamo più come stiamo, non sappiamo più come stiamo “dentro”. Sei arrabbiato per qualcosa? Sei deluso da qualcuno? Sei affaticato dal lavoro? Sei ferito per un’ingiustizia? Ti senti isolato? Sei triste perché qualcuno non ti capisce? ecco, queste domande ci potrebbero aiutare a dare un nome ai nostri lamenti, a prenderci in mano e provare a lottare. o, almeno, ci porterebbero a chiedere aiuto. Altrimenti continuiamo a correre con l’animo ferito e, poco a poco, ci troviamo svuotati, senza sogni e senza motivazioni. Spenti. Diventa fondamentale chiederci: «Che cosa vuoi veramente?». Per fare questo sarebbe utile il gioco della bacchetta magica. Prova ad immaginare di avere in mano, improvvisamente, una bacchetta magica: che cosa chiederesti? Questo gioco serve a far venir fuori i tuoi veri desideri. magari serve a risvegliare i tuoi desideri. Perché è importante sapere che cosa desideriamo davvero, dato che – si sa – ognuno trova soltanto ciò che cerca. Che cosa cerco io? Dentro questa domanda riscopriamo la voglia di cercare nuove strade, di vincere lo sconforto, di rimetterci in moto. Dentro questa domanda gustiamo il sapore dolce e fresco della speranza. Sentiamo quanto sia vera quella frase che dice: «La speranza non è un sogno, ma il modo per realizzare i sogni». Noi viviamo in base alla speranza che portiamo in cuore. Senza speranza la terra trema sotto i piedi ed in noi cresce la paura o la frenesia. La paura ci blocca, la frenesia ci fa correre. entrambi i sentimenti nascono dalla sensazione che manchi la terra sotto i nostri piedi. una frase che amo dice così: «Pattinando sopra il ghiaccio sottile, la nostra speranza di salvezza sta nella velocità». Verissimo: sentendo il ghiaccio scricchiolare sotto di noi, cerchiamo di accelerare il passo convinti di farcela. Così è nella vita: sentendo che molte cose “scricchiolano” attorno a noi, acceleriamo il ritmo pensando così di cavarcela. Sentiamo che vacillano punti di riferimento, valori …

CONTINUA a leggere l’articolo all’interno del nostro quaderno