Interrompere

Cari amici,

ho aspettato un poco prima di venirvi a trovare nel vostro “ritiro”, con questa mia lettera. Vorrei domandarvi “che cosa fate in questi giorni?” Intanto mi è più semplice dirvi dove sono io.

Sono giorni o meglio ore preziosissime che la vita ci dona. E’ importante utilizzarle al meglio. Tre sono i vocaboli che mi vengono in mente: sogno, desiderio, passione. In questi giorni in cui siamo obbligati a inter-rompere dobbiamo riprendere in mano i nostri sogni, o meglio, il sogno della nostra vita, perché nel sogno è riassunto il progetto della nostra esistenza, l’impulso più vero e profondo che aspetta da noi di essere realizzato. Ciò che ci manca, ciò di cui abbiamo bisogno, ciò che in una parola possiamo chiamare desiderio. Quale è quindi il “desiderio” cioè l’impulso vitale, unico, di noi che da tempo aspetta di essere accolto? Ecco questo periodo è il tempo del desiderio.

Fermiamoci, se non l’abbiamo ancora fatto, con i nostri pensieri e ascoltiamo insieme tutte le sfumature del nostro sogno/desiderio. Permettiamo che si esprima nella passione. Voi sapete che i brasiliani, con questo termine, indicano “l’innamoramento”. Di che cosa siamo innamorati?

Dedichiamo questi giorni al nostro grande amore.

Mi fermo qui per darci appuntamento presto, per raccontarci reciprocamente quale è il nostro sogno/desiderio che ci brucia dentro con la forza della passione/innamoramento.
Vi auguro buon lavoro.

Don Mario