L’autorità

I NOSTRI VERI NEMICI – di Umberto Eco

Anni fa a New York sono capitato con un tassista dal nome di difficile decifrazione, e mi ha chiarito che era pakistano. Mi ha chiesto da dove venivo, gli ho detto dall’Italia, mi ha chiesto quanti siamo ed è stato colpito che fossimo così pochi e che la nostra lingua non fosse l’inglese. Infine mi ha chiesto quali sono i nostri nemici. Al mio “prego?” ha chiarito pazientemente che voleva sapere con quali popoli fossimo da secoli in guerra per rivendicazioni territoriali, odi etnici, continue violazioni di confine, e così via. Gli ho   detto che non siamo in guerra con nessuno.

Pazientemente mi ha spiegato che voleva sapere quali sono i nostri avversari storici, quelli che loro ammazzano noi e noi ammazziamo loro. Gli ho ripetuto che non ne abbiamo, che l’ultima guerra l’ab- biamo fatta cinquanta e passa anni fa, e tra l’altro iniziandola con un nemico e finendola con un altro.

Non era soddisfatto. Come è possibile che ci sia un popolo che non  ha nemici? Sono sceso lasciandogli due dollari di mancia per compensarlo del nostro indolente pacifismo, poi mi è venuto in mente che cosa avrei dovuto rispondergli, e cioè che non è vero che gli italiani non hanno nemici.

Non hanno nemici esterni, e in ogni caso non sono mai in grado di mettersi d’accordo per stabilire quali siano, perché sono continua- mente in guerra tra di loro, Pisa contro Livorno, Guelfi contro Ghibel- lini, nordisti contro sudisti, fascisti contro partigiani, mafia contro stato, governo contro magistratura – e peccato che all’epoca non ci fosse ancora stata la caduta del secondo governo Prodi altrimenti avrei po- tuto spiegargli meglio cosa significa perdere una guerra per colpa   del fuoco amico.

CONTINUA a leggere l’articolo all’interno del nostro quaderno